Pagina:Marino, Giambattista – Adone, Vol. I, 1975 – BEIC 1869702.djvu/202

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


ARGOMENT O

Giunto a l’albergo de’ vezzosi inganni
il bell’Adon, lá dov’Amor s’annida,
gli conta Amor, che lo conduce e guida,
le fortune di Psiche e i propri affanni.

1.È di dura battaglia aspro conflitto
questa, che vita ha nome, umana morte,
dov’ognor Tuoni con mille mali afflitto
vien combattuto da nemica sorte.
Ma fra l’ingiurie e fra i contrasti invitto
non però sbigottisce animo forte,
anzi contr’ogni assalto iniquo e crudo
s’arma e difende, e sua virtú gli è scudo.

2.Talor ne tocca la paterna verga,
ma ’l suo giusto rigor non è crudele;
anzi perché la polvere disperga
ne scote i panni, e porta in cima il mèle,
Non desperi mai sí che si sommerga
chi per quest’Ocean spiega le vele,
ma de’ flutti e de’ venti al fiero orgoglio
faccia un’alta costanza áncora e scoglio.