Pagina:Marino, Giambattista – Adone, Vol. I, 1975 – BEIC 1869702.djvu/207

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search



19.Deh che mi vai, giá figlia al gran Tonante,
posseder d’ogni onor le glorie prime?
e poter de la via bianca e stellante
a mio senno varcar l’eccelse cime?
Qual prò, ch’ogni altro Dio m’assorga avante
come a Dea tra le Dee la piú sublime?
e che quantunque il Sol vede e camina
mi conosca e confessi alta Reina?

20 Lassa, i’ son pur colei ch’ottenni in Ida
titolo di beltá sovra le belle,
e ’l litigato d’òr pomo omicida
trionfando portai meco a le stelle;
che fu principio a cosí lunghe strida,
ed ésca de l’Argoliche fiammelle;
onde sorser tant’armi, e tanti sdegni,
per cui giá d’Asia incenerirò i regni!

21.Ed or fia ver, che ’n temeraria impresa
la palma una vii fernina mi tolga?
Attenderò che fin in Cielo ascesa
l’orbe mio, la mia stella aggiri e volga?
Ah di divina maéstate offesa
giusto fia ben, ch’ornai si penta e dolga:
ché l’ingiuria in colui che tempo aspetta
cresce col differir de la vendetta.

22.Qualqual si sia, l’usurpatrice ardita
del grado altier di sí sublime altezza,
non molto gioirá, non impunita
n’andrá lunga stagion di sua sciocchezza.
Vo’ che s’accorga alfín tardi pentita
che dannosa le fu tanta bellezza.
Stolta de balte Dive emula audace,
io ti farò...» Qui tronca i detti, e tace.