Pagina:Marino Poesie varie (1913).djvu/62

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
50 parte prima

     Ben devi a lei piú molto
ch’a l’altrui man sí forte,
che tanti eresse in te metalli e marmi.
Quel ch’altrui fe’ con l’armi,
ella fa col bel ciglio e col bel volto,
e con piú lieta sorte
dolce fa la prigion, cara la morte.
     Onde in lei glorie e palme
piú chiare il mondo addita;
ché, s’uom di corpi estinti alzò trofei,
or è dato a costei
vincer i cori e trionfar de l’alme,
e, pietosa ed ardita,
può ferir e sanar, dar morte e vita.
     Ella quest’aria e queste
piagge beate onora,
ella sol placa il tuo torbido aspetto;
ella l’immondo letto
purga e col guardo ingemma almo e celeste;
ella, qual nova Flora,
i tuoi campi feconda e i lidi infiora.
     Se gonfio porti il corno
oltra i confini e cresci,
tutt’è mercé, tutt’è virtú di quelle
luci serene e belle.
Caggion da lor disciolte a’ colli intorno
le nevi, e tu le mesci
con l’onde e sovra te t’inalzi ed esci.
     Esci fuor del tuo nido,
e gli argini sommersi,
fatto di te maggior forse da’ pianti
di mille afflitti amanti,
lei seguendo che fugge il patrio lido,
or foschi umori or tersi,
piú che da l’urna assai, dagli occhi versi.