Pagina:Martini - Trattato di architettura civile e militare, 1841, I.djvu/203

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

libro ii. 183

alla piazza, e da ogni termine di lunghezza della sala debba essere un salotto, dei quali la lunghezza sia la larghezza della sala predetta, larghi e alti secondo le regole dette di sopra: e questi devano avere camere, postcamere, anticamere, cappella, e studi, e destri commodi: le quali abitazioni possano essere per i forestieri.

Incontro della detta principale sala all’altra parte opposita della loggia debba essere un’altra sala alla medesima grandezza con salotto e altre parti, come dell’altra è dichiarato: e dalla faccia opposita all’altra sala sia una cappella, dove por le camere appresso si possa udire e vedere messa senza esser visto; intorno a questa cappella, e salotti sono da collocare le stanze e abitazioni delle donne e del signore, le quali siano separate e comuni a libito loro, e segretamente dall’una parte all’altra possi prevenire. Negli angoli di quelle siano triclini quadri o tondi a beneplacito, e dalle altre due facce delle logge siano altre stanze proporzionate per diversi bisogni e occorrenze. Appresso dei detti salotti ancora devono essere due scale per le quali alle stanze da basso, da usarsi per le signore, segretamente si pervenga. Nella parte superiore sia fatta la cucina con la guardacucina e altre parti convenienti, tinelli, canove, dispense e massarie, stanze per cancellieri, dormentorii per i cortegiani, e altri uffiziali. Puossi fare un istrumento per il quale il signore può facilmente sentire quello che in corte, lui assente, si dice. In questa forma si faccia una concavità la quale sia come una finestra murata, che sia alla grossezza del muro, e vada per piccolo tubolo insino alla parte superiore in fino all’altra concavità, siccome appare disegnato (Tav. I, 14) che pervenga ad un luogo dove il signore accostando le orecchie, benchè piano si parlasse udirà il tutto: perchè le specie del suono o voce in quel luogo angusto si fortificano, e in un certo modo la virtù dispersa si unisce e fortificasi, come l’esperienza ci dimostra (1).

Sono alcuni luoghi e siti nei quali con assai facilità dette case e abi-

  1. In questo consiglio di gratuita servilità si ravvisa la tradizione dell’orecchio di Dionisio, suggerito anche dall’Alberti (Lib. V, 3) pel quale vedansi le generose parole che ne dice il Niccolini nell’Elogio di questi. È poi anche agevole il conoscere come vada questo precetto a mezzo tra l’assurdo ed il ridicolo.