Pagina:Mastriani - La cieca di Sorrento 1.djvu/129

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 129 —

Saintanges ignorava ancora che costei era caduta vittima del pugnal di suo padre! E non sapea che Beatrice, la celeste Beatrice, avea perduto gli occhi in quella medesima notte fatale!

Noto è di presente a’ lettori che nel supposto medico inglese Oliviero Blackman si nasconde Gaetano Pisani... o piuttosto Gaetano di Borgia, siccome ei faceasi nomare, per nascondere il suo cognome lordato di sangue.

Affrettiamoci a spiegare a’ lettori una trasformazione che lor giunge sì repentina.


V.


la nonna.


Alla fine della prima parta di questo racconto, lasciammo Gaetano Pisani, rendutosi padrone del tesoro dell’avaro Tommaso Basileo, allontanarsi dalla costui dimora in via borgo Loreto, e e dappoi che questi ebbe vanamente tentato di assassinarlo con un colpo d’arma a fuoco. Però ci è mestieri rivolgerci addietro per seguitarlo ne’ pochi anni che precedono la sua comparsa sott’altro nome nella villa Rionero a Sorrento.

Gaetano, strettasi sotto al braccio la preziosa cassettina, funesto retaggio del delitto paterno, s’incamminò di buon passo a casa sua... Sentiasi, camminando, tremar le membra per ignota commozione di una gioia direm quasi feb-