Pagina:Mastriani - La cieca di Sorrento 1.djvu/28

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 28 —


— Sì, a voi, mio buono amico; qual’è il vostro nome?

— Il mio nome?... Gaetano.

— Ah! Don Gaetano... sta bene; e il cognome?

Gaetano impallidì mortalmente; si lasciò cader di mano la penna, e si trasse un po’ dietro con la sedia, con un movimento non so se di paura o di sorpresa.

E non rispose.

L’altro, che facilmente avea fatto quella interrogazione per mera oziosità, per un preliminare di conversazione, e che ben altro in testa aveasi che conoscere il cognome di Gaetano, trasse in questo mentre un dorato taccuino dalla taschetta di fianco del suo giubbino, e vi leggeva un ricordo.

— Dite un pò, giovinotto, siete voi perfettamente a giorno della classificazione de’ protocolli del vostro principale?

— Perfettamente.

— Anche de’ più vecchi?

— Anche di questi.

— Molto bene... Ora... siete voglioso di lucrarvi cento piastre?

Gli occhi di Gaetano si spalancarono, e cercarono di trovare tutto il loro parallelismo per guardar fisamente negli occhi l’interlocutore, per iscovrire se per ischerzo o da senno detto avesse quelle parole.

Il signore, non sentendosi risposto, ripigliava con un tuono di voce un poco più energico e alquanto impazientito: