Pagina:Mastro-don Gesualdo (1890).djvu/394

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 386 —


— Ah!... Continua la musica!... Che fai qui.... a quest’ora?... A prendere il fresco per l’estate? T’insegno io a contar le stelle! Non m’hai visto ancora uscir dai gangheri! Gliel’insegno io a passeggiar di sera sotto le mie finestre, a certi cavalieri! Un fracco di legnate, se l’incontro! M’hai visto finora colla bocca dolce; ma adesso ti fo vedere anche l’amaro! Ti faccio arar diritto, come tiro l’aratro io!

Da quel giorno ci fu un casa del diavolo, mattina e sera. Don Gesualdo prese Isabella colle buone, colle cattive, per levarle dalla testa quella follìa; ma essa l’aveva sempre lì, nella ruga sempre fissa fra le ciglia, nella faccia pallida, nelle labbra strette che non dicevano una parola, negli occhi grigi e ostinati dei Trao che dicevano invece — Sì, sì, a costo di morirne! — Non osava ribellarsi apertamente. Non si lagnava. Ci perdeva la giovinezza e la salute. Non mangiava più; ma non chinava il capo, testarda, una vera Trao, colla testa dura dei Motta per giunta. — Il pover’uomo era ridotto a farsi da sè l’esame di coscienza. — Dei genitori quella ragazza aveva preso i soli difetti. Ma l’amore alla roba, no! Il giudizio di capire chi le voleva bene e chi le voleva male, il giudizio di badare ai suoi interessi, no! Non era neppure docile e ubbidiente come sua madre. Gli aveva guastata anche Bianca! Anche costei, al vedere la sua creatura che diventava pelle e ossa, era diventata