Pagina:Matini - In Mugello, Firenze, 1913.djvu/18

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


14 IN mugeLlo San Martino, monumento dell’architettura militare del secolo XVI, che la mente di Cosimo ideò e fece porre ad effetto, col disegno di Bernardo Buontalenti, la fenice degli architetti del suo tem¬ po. La fortezza di San Martino, di un miglio di circuito, munita di contrafforti, di case matte, di baluardi e di triplici mura, do¬ mina tutta quanta la mugellana pianura. Costruita su di un alto (Fot. F.lli Alinari.) Cafag-giolo — Il Castello Mediceo — XV sec. monte è circondata dalle acque limpide della Sieve, che mormora al basso. Cosimo ne gettò le fondamenta, per difendere Firenze dalla parte del Mugello, ma non la vide compiuta ; toccò al suo primogenito Francesco I. di condurre a compimento l’opera, in¬ cominciata del padre. E colla contemplazione degli storici edifici, che fanno vaga corona alla villa di Cafaggiolo, dove il profumo della vigorosa vegetazione fa scorrere più celere il sangue nelle vene, appari¬ scono alla mente le figure di Cosimo il vecchio, di Donatello, di Lorenzo e Giuliano de’ Medici, di Leone X, di Piero, Cosimo I, Francesco e Ferdinando, del Poliziano, di Pico della Mirandola del Vespucci, del Pulci e del Franci, di Clarice Orsini, di Lu¬ crezia Tornabuoni. di Maria Salviati, di Bianca Cappello e della bella Eleonora da Toledo, che fu trafitta dal pugnale del feroce Don Piero de’ Medici suo marito, convinto e edotto dal fratello suo, della infedeltà della moglie.