Pagina:Memoriale di Paolo dello Mastro.djvu/28

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 20 —

ture; elli vestimenti delli detti morti fuorono messi in una camera in S.to Cielso, e furono dati in guardia a Benedetto mio Patre, e molti armavano cercanno li loro, che non sapevano se era morto, ò vivo, perchè erano sperduti l’uno dall’altro, e veniano a cercare li panni, e lì trovavano la certezza; perchè se era muorto, e trovanno le veste overo giupparelio overo qualche cose delle soi, sichè sapea s’era morto o nò, e così finiero li detti morti a cui Dio l’aia misericordia1. [Denari guadagnati da diversi artisti nell’anno S.to.] La Condicione dello Giubileo fu questa, che nello principio e nella fine fu fatto assai bene; l’Parti che fero assai denari fuoro queste, cioè la prima di Banchieri, elli Spetiali e pintori di Volti Sti, questi ferno gran tesoro; appresso Ostarie, e Taverne, massime chille fece per le strade de fuori, overo in piazza de Sto Petro e de Sto Janni, e tutte l’arti fero assai bene2.

[Federico 3.° imperat. Venuta a Roma con la moglie.]

Recordo Io Pauolo, che nelli 1452. nello ditto pontificato, venne in Italia lo Imperadore Federico tertio3 et era della Magnia alta, (sic) e menào con seco la donna soa, che era figlia dello Re de’ Portogallo4 et era giovanetta de 14 anni; ella ditta donna venne da Portogallo, descese a porto de Pisa, elio Imperadore venne dalla Magnia per infine a Siena, ellì aspettao la donna soa, e lo Papa li mannao incontro doi Cardinali per infino a Fiorenza, e fu Monsig.r di Sto Angilo ello fratello dello Papa, cioè Monsig.r de Bolognia5, e poi se ne vennero tutti insieme per infino a Roma e desmontaro nella casa de Tomasso Spinelli da Firenze, che stao allo Ponticello delFarmaccia6 elli stette una notte; ella Imperatrice desmontao in nella casa de Fran.co della Rocca7, che è

  1. Il Cod. Cors. è molto più laconico: et multi quaerebant suos, li panni fusti erant centi.
  2. Cod. Cors.:... e tutte le altre arti, ma questa sopra tutte. (ossia l’arte del Tavernaio).
  3. Federico III sul finire dell’anno 1452, o al principio del 1453 scese in Italia per farsi coronare Imperatore a Roma. Della Magnia alta... forse è errore dell’amanuènse che doveva scrivere d’Allemagna, conforme agli altri codici.
  4. Leonora figliuola del Re di Portogallo, sposata a Federico III poco prima d’essere incoronato dal Papa, Re di Lombardia e poscia Imperatore. Cod. Cors. Infess. Mag.:... giovinetta di 14 anni che venne da Portugallo e sbarcò a Pisa, e l’Imperatore venne d’Alemagna sino a Siena, e passò per Viterbo, e a Siena; aspettò la sposa; e il Papa ne stava in sospetto, e fece venire a Roma gran gente e fanti.
  5. Gio. Carvajal spagnuolo, diacono di Sant’Angelo, e Filippo Sarzana fratello del Papa, vescovo di Bologna, prete Card, titolare di S. Lorenzo in Lucina.
  6. Cod. Cors. Infess. Mag.:... che stà a Ponticello fuori di Porta Viridaria, alla croce di Montemario.
  7. Cod. Cors.:... e l’Imperatore stette in casa di Francesco della Rocca che è riscontro a quella di Tomasso.