Pagina:Memoriale di Paolo dello Mastro.djvu/32

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 24 —

[Stefano Porcaro Impiccato.] persequitare tutti quelli chessene trovavo, e a più parte ne furono gionti e morti1, e Messer Stefano fu appiccato in quello Torriciello dello Castiello de Sto Agnilo sopra lo ponte, una mattina, tre hore nanti dì, lo quale era uno delli più valenti huomini che avesse Roma, allo quale Dio l’aia misericordia.

Recordo Io Pauoio che nelli 1454, dello mese de ... . e fu la notte de Sto Valentino me nacque uno figlio, allo quale pegno nome Valerio Valentino, Dio li presti bona ventura.

Recordo Io Pauolo che nelli 1454 dello mese di Agosto a dij X di d°. mese, e fu lo dì di Sto Lorienzo, morì Giorio mio fratello.

[Morte di Papa Nicola V.] Recordo Io Pauolo, che nelli 1455, a dij 25 de marzo, la notte della Nunziata, a sei hore, morì Papa Nicola quinto, lo quale visse otto anni e xviiij giorni nello papato, e fece in questo tempo molte defitia, dove se vede l’arma soa che sò le chiave con certe lettere che dicono: N. Papa V.

[Calisto 3° Papa, sua coronatione.] Recordo Io Pauolo, che nelli 1455. a dij 52 dello mese d’aprile, e fu lo martedì de Pasqua Rosata, fu creato Papa Calisto tertio, e fu catalano3, lo quale remise li Colonaci Romani in Sto Janni Laterano, i quali nelli cacciò Papa Eugenio, et allora ce fu eletto M.r Tomaso mio fratello per Canonico, e furono decidotto Canonici tutti romani, dove fuoro cinque Baroni e quattro Dottori.


Dell’anno 14564.


«A dì 29 d’Aprile, e fu di Giovedì che fu posto io calice de marmo dinanti a Santi Apostoli, e prima stava dinanti alla casa de Jo. Paolo Muto delli Papazurri, e casa de Tomasso Jannetta delli Papaciurri (sic) in nella strada dinanti all’arco.

» In d°. Anno a dì 6 decemhre Domca notte alle XI hore fu lo Terremoto sì grande, che fece sonar tre tocci alla campana di san Marcello.

» A dì 2 di Jugno fu strascinato Janni Finagrana da Capituoglio fino a Campo de Fiore, e gli fu tagliata la testa, poi fu squartato, e li quarti uno ne fu posto in

  1. Il Papa fece calde istanze a tutti i governanti d’Italia per riavere i proscritti, e ne riebbe difatti, e li uccise tutti (!). (V. Mur. R. I. S. = T. III, parte 2° pag. 1135).
  2. Cod. Cors. Die 8 aprilis.
  3. Alfonso Borgia della diocesi di Valenza, o Valentino Alfonso Borgia spagnolo, fatto pontefice all’età di 73 anni.
  4. Il Codice dell’archivio Soderini presenta qui come altrove lacune assai rilevanti. Ho creduto necessario ricolmarle col testo del Codice Corsiniano, contrasegnandolo con le virgolette».