Pagina:Memorie della Accademia delle Scienze di Torino, Tomo XXIX.djvu/503

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

di costanzo gazzera 87

Cofta cercò di pure fuggire all’intiera distruzione che l’era minacciata. Nè in tutto le andò fallito il disegno, che l’ influenza della nuova religione, e l’ adozione dell’ alfabetto greco ebbero tanto di efficacia da procurarle alcuni altri secoli di lustro, , e andarle mantenendo una sebben languida vita sino quasi a’ giorni nostri, ne’ quali iiuierainealc fu spcula. Ora noa e die so^u-a i podu e lacer’i avaiizi di colcsta lingua Cofla, i quali pure non versano fuorchii inlorno a cose ecclesiasliclie, asccliche o iilurgiche, die ne fa d’uopo andar ricercando, e sludiaie quel veUisto e veneraudo idioiua Egizio. JNou ci dubbiauio dar a credere tutlavia, chc tanlo I’osse esso povero di modi, e §i mescLino di vocaboli quale ci compare nelle noil- sue spoglie; giaccin;, se e pur vero, come l’ esempio della Grccia, e di Koma, o qudlo de’ moderni francesi lo altesta, cbe i progress! ildle favdle Yadino di jiari passo col perfezionamento deile itistitn^ioui’, e si debiiaiio considerare siccome il termometro del grade e dello Sjdendore di civilta, a cui pervennero i popoli c lo nazioni, a qual grado di purgalezza, e di perfezionamento noil Sara ella giunla ue" più bei giorui di gloria deU’Egitto solto i Faraoiii della diciolesima dinaslia, i Tlioutmosis, i Meris, gli Amenoli, gli Oro, e sotto il primo della diecinovesima il gran Conquistalorc Sesoslri, col qual ultimo aveva pure Irionfalmeule percorso r intiero globo, e celebratine in ultimo il valore e la gloria? In tanta poverla di mezzi onde poter studiare, e nella sua pienezza imparare una lingua si necessaria non solo, ma indispcusabile alio diciferamento dei testi gerogliCci, non fia mcraviglia so passera del tempo ancora, avanli die si arrivi a poter Icggere e tradurre lunghe inscrizioni geroglifiche, quab sarebbcro, per esempio, il gran papiro nostro, e qucllo pubblicato nella descrizione deU’Egitto. II solo poter dividere in gruppi di più segni prlmilivi il tcsto contiuuato senza intcrruzione, a tale die dalla loio unioiie se ne possa cavai-e un’ idea, il notare con certezza (juelli die fanno le veci tli segni puramenle logici o grammaticali, cbe servono «ioe a seguare i generi, i numeri de’ nomi, e dcgli aggcUlvi, Ir