Pagina:Memorie della Accademia delle Scienze di Torino, Tomo XXIX.djvu/543

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

di costanzo gazzera 127

bella statua del gran Sesostri posta sotto l’ atrio della Regia Uni- versità, annunzia pure sul volto gl’ insulti ai quali venne soggetta; e da quanto mi vien detto, sulla statua colossale antichissima d’un re Egizio, d’ esimio lavoro, e la maggiore di tutto il Museo, la quale e tultora in Genova, i cartelli del suo nome sono pure raschiati. Le notizie sin’ ora avute intorno ad essa, c’ iuducono a crederla l’ imagine del gram re Osimandias; è in tulle le sue proporzioni uguale a quella, che tolta dallo stesso tempio d’Egitto, del quale formavano il vestibolo della porta, venne trasportata a Roma, e si trova presso un particolare. Facciamo voti onde questi due essenzialissimi pezzi dell’ antica arte Egizia possano venir riuniti nel già doviziosissimo Regio Museo di cose Egiziane, del quale an- diamo debitori alla munificente liberalità del Re.

Un simile guasto si scorge fatto su tulti quasi i monumenti dei medesimi re, i quali coprono I’immensa valle del Nilo, nè avvi forse un’iscrizione, un basso rilievo, una slatua dei re Faraoni, Osiman- dias, Osirei (Busiride), Amenoli Mennone, Oro, Sesostri sulle quali nou si sia sfogata la brutalita dei barbari tutti, clie in lempi diversi invasero I’Egilto, i Pustori, gli Etkpi, i Persiani. Ai prinil si deve rintiero sterminio di tutte le opcre fatle dai re delle scdeci prime dlnastie clic regnarono siilTEgillo, delle tpiali, se ne eccettuiamo Ic piramidi, ed un restanle muro, che venne inchiuso nel palazzo di Karnak, opera di Osimandias, il reslo sparve intieramente; ed e invano che alcuni dotti s’ ingegnano luttora di ricercare il sepolcro, il colosso, ed il luogo del gran ccrchio d’oro dello slesso rinomatissimo re. I due ultimi, ma singolarmente i Persi, fecero scopo alia barbara loro ferocia le imagini ed i nomi di que’celebri, e per valor militare iUustri Faraoni, le armi vincitrici de’ quali avevano in lempi anteriori occupate e pcrcorse le patrie loro.

Quanto al noslro gruppo, oltre dei sovraccennati, ha eziandio solFerti allri danni dalle ingiurie del tempo, ed un gran pezzo a dirida dello schinale fu rotto e disperse, e con esso, oltre de’ «arlelli del re, il principio pure, e moke purti di una lunga