Pagina:Memorie della Accademia delle Scienze di Torino, Tomo XXIX.djvu/556

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


«4o SIDNUMEKTt GEnOGMFICI

Pastori daU’Egltto, die dalla morte venue iinpeJlto cli lerininrire, lo e mollo jiiii per aver generato un figliuolo, il quale noii coroiio solo r opera iiicoiniiiciala clal padre, ma ciie liiiiiilo in se solo r|iianlo era pur suflicienlc a rendere illiistri inolli allri, uguaglio in lama i re lutli die prima o doj)o lui reguarouo in J’lgillo, e pol«  incrilare il raro privilegio di venire dichiaralo capo di una nuova diiiaslia, la diciottesima Diospolilana.

II carlello posto a canto della regina, dinauzi alia cpialc iiulinalo lo scriba cerca di rcnderla a se propizia coll’ oflcrla consueta del iiiazielto de’fiori di loto ede’pani, ci scoperse il nome della gran madrc del re Mcvi la regina ylmcnses, che mai prima d’ ora era riuscilo di ritrovare su monumcnto alcuno, bcnclie rcgnassc sull’ Egitto il non breve spazio ^ivenlim ainii. (fig. 8.) II solo suo iiorno mancava alia inticra scrie del re della dicioltcsirna dinnstia, la quale, grazie al nostro monumento, riceve ora il suo compiraento; cd afliuclie nulla orinai più ci rimancsse a desiderare, avemmo il contenlo allresi di rinvenire il carlello nome proprio del re fralcllo cd antecessore della rfj^ma. Amenses, del cpialc avevamo difelto luUora, che tale si vuol credere il posto dielro alia regina sorella, ed a’ lato di altra ignota principessa ivi figurata, il quale si legge Amoninai, Ainonma ed anclie Amenemes. (fig. g. ) II consucto tilolo di Signor del Mondo da cui e precediito, l’ csclude in prima dal supposto cartello di donna, e lo confenna in ulliino il disegno d’ un amuletto presso il chiarissinio Chanipollion, ncl quale dielro al carlello prenome, die nella tavola d’Abidos corrispoiide al re Amenof del canone, « pure scolpilo quello del noslro carlello Amonmai, il quale vorra essere ormai riconosciuto pel vero nome del terzo re della famiglia Diospolilana. Rimanc ora die la regina die segue sia o la sposa del re Amonmai siiddello, o mcglio, ed a norma della scena precedente, la madre della regina yinwnscs. Keir ulliino Uiogo, e dopo dei pcrsonaggi sotrani iiicnzionali, e scolpilo un garzoiie, il quale benche privo d’ ogni indizio o dislinI’vo principesco, non e mcno da anuovcrare Ira i incmbri della.