Pagina:Memorie per servire alla vita di Dante Alighieri.djvu/143

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
136 memorie


Io sono per altro di sentimento, che Dante prima di questo tempo avesse terminato il suo meraviglioso lavoro; di che ne addurremo a suo luogo le prove; onde o Dante si refugiò nell’Abbazia dell’Avellana avanti che Arrigo VII. passasse in Italia, o non è vero che, quando in detto luogo si trattenne, si occupasse a finire la Divina Commedia. Di quì ancora sono portato a credere, che Dante quando fu in casa di messer Busone da Gubbio non attendesse a scrivere il suo Poema, se pure non prima dell’anno 1318. fu dal detto Busone cortesemente ricevuto nel suo Castello di Colmollaro presso il fiume Saonda1. I Gubbini stessi hanno per tradizione, che buona parte di questa Divina Opera il Poeta Dante componesse nella loro città, onde nella muraglia di fianco della casa dei Conti Falcucci2si legge:

hic mansit dantes
alegherius poeta
et carmina scripsit.
Federicus. Falcutius.
Virtuti. et Poster. P.
3

Che se Dante fu in Gubbio dopo aver perduta ogni speranza di ritornare a finire i suoi giorni in Firenze sua patria, lo che, atteso la narrazione delle cose esposte di sopra4, è indubitato, io dico che allora aveva già dato compimento al suo bellissimo lavoro, che gli scrittori si

  1. Ved. il citato Francesco Maria Raffaelli nel suo trattato intorno a messer Busone da Gubbio cap. 5. Questo Castello è distante dalla cIttà di Gubbio 6. miglia, e mezzo in circa.
  2. Detta casa posta vicino alla porta di S. Agostino, Quartiere S. Andrea, Cura di S. Maria Nuova, fu venduta a Bartolo Minelli dagli eredi Falcucci, che per povertà vendettero a peso di carta tutti i fogli e i manoscritti antichi ereditati da’ loro maggiori.
  3. Francesco Raffaelli loc. cit.
  4. §11. A me pare che dal 1302. nel quale cade la condanna di Dante fino al 1311. in cui da Toscanella scrisse la Lettera ad Arrigo VII. si abbiano notizie da ordinare con sicurezza i suoi viaggi, e che non vi sia luogo da collocare in detto tempo la sua dimora in Gubbio, se pure questa non fosse stata per un tempo brevissimo.