Pagina:Memorie storiche del Santuario di Castelleone.djvu/27

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

19

i Confratelli, i Consiglieri, e più da vicino i Frati ed il Clero circondando il Tronco, e l’Altare ivi eretto, fu collocata Domenica presso a quel Tronco, tutti genuflessi cogli occhi rivolti al Cielo, e col cuore compunto, impazienti aspettando il compimento de’ celesti favori.

Quand’ecco Maria per la quarta volta apparendo alla sola Domenica, la risana all’istante, e le intima di rinnovare al Popolo i suoi comandi. La pia Vedova in fatti allor si vede uscir d’un balzo dalla carretta da sè, sotto gli occhi di tutto il Popolo, il quale ai voleri di Maria sclamò per tre volte ad una voce: Misericordia; e sentì per bocca di Domenica ripetuti i voleri della Vergine Protettrice, pel digiuno cioè di tre giorni, per lasciar il lavoro ai Vesperi di ogni Sabbato, e per fabbricarle ivi stesso il Tempio.

Non si ponno esprimer le voci, i segni, le lagrime di santo giubbilo, i ringraziamenti, le lodi universali per tanto favore a Maria Santissima, la quale ad approvar maggiormente la di lei Apparizione, non