Pagina:Memorie storiche della città e del territorio di Trento.djvu/139

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

e del territorio di trento. 121

possumus, qui ita in teneriori ætate se gesserit, quid de eo sit in maturiore sperandum. Supplicat igitur ....» Prese egli il possesso del Principato di Trento li 2 Settembre 1539.

L’anno 1541 venne dalla Germania in Trento l’Imperator Carlo V., ove fu dal nostro Vescovo Cristoforo Madruzzo accolto nel Castello di sua residenza col più grande onore e magnificenza, e trattato per alcuni giorni con regal pompa. In tal occasione vennero in Trento ad incontrare l’Imperatore il Marchese del Vasto con molta nobiltà milanese, e vennero ancora Ercole II. Duca di Ferrara, ed Ottavio Farnese Duca di Camerino, accolti e trattati splendidamente essi pure dal nostro Principe Vescovo Madruzzo.

L’anno 1542 Cristoforo Madruzzo fu eletto o postulato Vescovo ed Amministratore del Vescovato e Principato di Bressanone, e nello stesso anno li 2 Giugno creato fu pure Cardinale ma riservato in petto, e poi pubblicato li 28 Novembre 1543.

Al suo avvenimento al Principato di Trento egli fu onorato dal celebre Cardinale Reginaldo Polo d’una nobilissima lettera di congratulazione, che leggesi nel libro Monumenta Ecclesiæ Tridentinæ. In esso libro leggesi pure un’altra lettera di congratulazione, che gli scrisse il Doge della Repubblica veneta, nella quale gli attesta la sua gioja per l’elezione, ch’erasi fatta di lui, «nedum,