Pagina:Memorie storiche della città e del territorio di Trento.djvu/57

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

e del territorio di trento. 39

documento, che qui appresso addurremo, apparisce, ch’egli impose a tutti i comuni del suo Vescovato una generale colletta o contribuzione, la quale fu pure da tutti esattamente pagata. Nel documento suddetto seguito l’anno 1303 Tridenti in Palatio Episcopatus si dice, avere il Vescovo Filippo «pro urgentibus necessitatibus, et evidentibus utilitatibus Episcopatus et Ecclesie Trid. generalem his temporibus Subditis et Districtualibus suis videlicet quadraginta soldorum et dimidii pro quolibet foco imposuisse Coltam, et Virum prudentem D. Odoricum dei Coredo, cujus in hac parte fidem, industriam, et diligentiam approbavit, Collectorem, Receptorem, et Exactorem Collecte hujusmodi deputasse .... Itaque idem D. Odoricus Collector recognovit, se vice ac nomine prefati Domini Episcopi habuisse et recepisse .... a Communitatibus et Hominibus infrascriptis .... infrascriptas pecuniæ quantitates. Primo quinque millia sexcentas et sexaginta libras Veronenses a Communitatibus et Hominibus Plebatuum et Terrarum Vallium Annaniæ et Solis .... que quidem pecunie quantitates in summa capiunt 18190 lib. 8 sol. et 3 denar. Veron.»

L’amore della verità, che guidar dee lo storico, ci obbliga ad osservare, che il decreto sopraccitato dell’Imperatore Adolfo, con cui dichiarò invalide e nulle le cessioni, donazioni, o rinunzie fatte in favore del Conte