Pagina:Memorie storiche della città e del territorio di Trento.djvu/63

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

e del territorio di trento. 45

Trento, che Papa Giovanni XXII. era eretico e indegno Papa.» Nel dì 13 di Marzo Lodovico si partì poi da Trento, e giunto in Milano li 31 Maggio fu ivi coronato colla corona ferrea Re d’Italia.

Il nostro Vescovo Enrico III. con solenne diploma dato Tridenti in Castro Boni Consilii die ultimo Mensis Octobris anno 1328 essendo morto Passerino de’ Bonacolsi Signore di Mantova ha investito del Castello o Terra di Castellaro colle sue dipendenze Luigi di Gonzaga. Questo diploma viene interamente riferito nel volume terzo delle Notizie istorico-critiche della Chiesa di Trento pag. 211, del quale noi ne estraremo qui ciò che segue .... «Cum nuper intelleximus, quod dolenter refferimus, quod Dorninus Passarinus de Bonacolsis de Mantua, qui a Nobis et Ecclesia Tridentina in Feudum tenebat Terram, sive Castrum, seu Fortilitium Castellarii siti juxta Terratorium Mantuanum et Terratorium Veronense cum suis attinentis, dum viveret, et de eisdem per Nos juste et rite fuerit investitus, universe carnis viam sit ingressus .... occulos nostros ad Nobilem Virum Dominum Loysium de Gonzaga de Mantua direximus .... et Sapientem et Discretum Virum Dominum Fridericum Prepositum Mantuanum et Canonicum Tridentinum Procuratorem et Procuratorio nomine prefati Domini Loysii flexis genibus coram nobis humiliter et de-