Pagina:Memorie storiche della città e del territorio di Trento.djvu/64

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
46 memorie storiche della città

vote petentem, presentialiter investimus .... Qui quidem Dominus Fridericus ibidem et in presenti Procurator ac procuratorio nomine antedicto tactis corporaliter Sacrosanctis Scripturis in animam predicti Domini Loysii ad Sancta Dei Evangelica juravit, quod ipse Dominus Loysius et legitimi ejus Heredes nobis et Ecclesie nostre fideles erunt Vassalli ....»

Il Vescovo Enrico III. più fortunato di molti de’ suoi antecessori e successori regnò tranquillamente, e resse e governò il suo stato pel corso d’anni ventisei. Egli morì in Trento li 9 Ottobre 1336, e fu sepolto nella Cattedrale.

Ad Enrico III. succedette Nicolò de Bruna città della Moravia, Cancelliere dell’Imperatore Carlo IV., e fu eletto l’anno 1338. Egli diede al principio del suo governo ai Signori di Castelbarco l’investitura de’ loro feodi, come attesta il seguente documento: «Anno Nativitatis Domini 1338 die 20 Novembris. Omnibus et singulis presens pubblicum Instrumentum inspicientibus pateat evidenter, quod nobiles et potentes Viri D. Gullielmus f. q. D. Azonis nati q. D. Friderici, et Aldrigettinus f. q. D. Bonifacii nati q. dicti D. Friderici de Castrobarco Trid. Dioc. costituti ante presentiam Reverendi in Christo Patris, et Domini Domini Nicolai Venerabilis Episcopi Tridentini, cum debita reverentia supplicaverunt, quatenus