Pagina:Memorie storiche su la vita gli studj e le opere di Lionardo da Vinci.djvu/158

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

DI LIONARDO DA VINCI. 147

ternamente i denti d'un lato d'una ruota e gli opposti, produce un moto non interrotto1.

XXXVIII. Di molti congegni servibili alle arti egli fu l'inventore, e ce ne ha lasciati i disegni, che dal cav. Leoni collocati furono nel codice atlantico, e che quì brevemente accenneremo.

1. Una semplicissima macchina idraulica, cioè un soffietto comune che alzandosi forma un fuoto, in cui l'acqua, compressa dal peso dell'aria, sale a riempierlo pel foro munito di valvola, e abbassandosi fa uscir l'acqua pel tubo del soffietto medesimo; e questo in altro disegno ha raddoppiato per avere un getto continuo2. Vi veggiamo delle fontane, e varie trombe3 per sollevar acqua oltre le accennate, or a sacco, e a lampione, or colle norie, cioè con secchie attaccate a fune perpetua4, or co'vapori5. Immaginò pur barche a ruota che andassero contr'acqua6.

2. Il Gerli (Tav. xlii) ci ha dato, copiandolo dal gran codice, il disegno del girarrosto mosso pel calore della fiamma e dal fumo, o piuttosto dall'aria che il fuo-

  1. Essay etc. pag.
  2. Cod. atlant. fol. 7. 58, 386.
  3. Fol. 146.
  4. Fol. 377.
  5. Fol. 300.
  6. Fol. 253.