Pagina:Memorie storiche su la vita gli studj e le opere di Lionardo da Vinci.djvu/162

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

DI LIONARDO DA VINCI. 151

tro in architettura, in composizione d'edificj pubblici e privati. Tale pur dimostranlo molti suoi disegni rimastici. Già nel 1502, come architetto e ingegnere generale del duca Valentino1. Nel codice atlantico v'è il disegno d'un anfiteatro del chiostro di S. M. in pertica di Pavia, e della cupola della nostra metropolitana. Nel codice segnato S. in 4.º v'è disegnata la doppia chiesa, cioè superiore e sotterranea di S. Sepolcro; e di un'altra chiesa ha pubblicato il disegno suo il Gerli2. Il prospetto poi veramente finito d'un bel tempio a foggia d'una rotonda a quattro facciate e rispettivi atrii egli pur ci lasciò, e lo diamo quì inciso3. Parlammo già del suo disegno d'una magnifica stalla o pel Sanseverino servisse o pel duca. Certo è altresì che molto d'architettura dovè occuparsi nel disporre le molte feste per nozze, per trionfi, per esequie, c'egli immaginò e diresse: e ben è probabile che disegno suo fosse quell'arco trionfale, che dietro al castello eretto s'era, o ergersi dovea, per collocarvi sotto la statua equestre di Francesco I Sforza, del qual arco fa menzione Lanciano Curzio4 in questi versi:

  1. Pag. 93.
  2. Tav. xv.*
  3. Tav. 11. fig. 7.
  4. Sylv. Lib. 1.