Pagina:Memorie storiche su la vita gli studj e le opere di Lionardo da Vinci.djvu/99

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
88 MEMORIE STORICHE

presentar volea, cioè la battaglia in cui fu rotto Nicolò Picenino generale del duca Filippo Maria Visconti l’anno 1440 presso

    Medici, Micheletto, M, Rinaldo degli Abruzzi ed altri – Di poi si faccia come lui prima montò a cavallo armato; e tutto l'esercito gli andò dietro – 40 squadre di cavalli, 2000 pedoni andavano con lui – Il Patriarca (d’Aquileja Lodovico Scarampi Mezzarota) la mattina di buon'ora montò su un monte per iscoprire il paese, cioè colli, campi, e valle irrigata da un fiume, e vide dal borgo a san Sepolcro venire Niccolò Picenino con le genti con gran polvere, e scopertolo tornò al campo delle sue genti, e parlò loro – Parlato ch'ebbe pregò Dio a mani giunte, con una nugola dalla quale usciva san Pietro che parlò al Patriarca – 500 cavalli furono mandati dal Patriarca per impedire o raffrenare l'impero nemico. Nella prima schiera Francesco figliuolo di Niccolò Picenino venne il primo ad investire il ponte ch'era guardato dal Patriarca e fiorentini – Dopo il ponte a mano sinistra mandò fanti per impedire i nostri i quali ripugnavano, de’quali era capo Michieletto, che quel dì per sorte aveva in guardia lo esercito. A questo ponte si fa una gran pugna. Vi sono i nostri, e l'inimico è scacciato. Quì Guido e Astorre suo fratello signore di Faenza con molte genti si rifecciono, e ristorarono la guerra, e urtarono tanto forte le genti fiorentine che ricuperarono il ponte, e vennero sino ai padiglioni, contro i quali venne Simonetto con 600 cavalli ad urtare gli inimici, e li cacciò un'altra volta dal luogo, e riacquistarono il ponte; e dietro a lui venne altra gente con 2000 cavalli: e così lungo tempo si combattè variamente. Di poi il Patriarca, per disordinare l'inimico, mandò Niccolò da Pisa innanzi e Napoleone Orsino, giovane senza barba, e dietro a costoro gran moltitudine di gente, e quì fu fatto un altro gran fatto d'armi. In questo tempo Niccolò Picenino spinse innanzi il restante delle sue genti, le quali feciono un'altra volta inclinare i nostri, e se non fosse stato che il Patriarca si mise innanzi, e con parole e fatti non avesse ritenuto que'capitani sarebbono iti i nostri in fuga. Fece il Patriarca piantare alcune artiglierie al colle, colle quali sbaragliava le fanterie de'nimici; e questo disordine fu tale che Niccolò cominciò a rivocare il figliuolo, e le altre genti, e si misero