Pagina:Metastasio, Pietro – Opere, Vol. I, 1912 – BEIC 1883676.djvu/279

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

atto secondo 273


Varo.  Cosí non fosse!
La tua compiango, amico,
e la sventura mia, che mi riduce
un uffizio a compir contrario tanto
alla nostra amicizia, al genio antico.
Ezio. Prendi: Augusto compiangi e non l’amico.
  (gli da la spada)
          Recagli quell’acciaro
     che gli difese il trono:
     rammentagli chi sono,
     e vedilo arrossir.
          E tu serena il ciglio, (a Fulvia)
     se l’amor mio t’è caro:
     l’unico mio periglio
     sarebbe il tuo martir. (parte con guardie)

SCENA VII

Fulvia e Varo.

Fulvia. Varo, se amasti mai, de’ nostri affetti
pietá dimostra, e d’un oppresso amico
difendi l’innocenza.
Varo.  Or che m’è noto
il vostro amor, la pena mia s’accresce,
e giovarvi io vorrei; ma troppo, oh Dio!
Ezio è di sé nemico: ei parla in guisa
che irrita Augusto.
Fulvia.  Il suo costume altero
è palese a ciascuno. Omai dovrebbe
non essergli delitto. Alfin tu vedi
che, se de’ merti suoi cosí favella,
ei non è menzognero.
Varo. Qualche volta è virtú tacere il vero.
Se non lodo il suo fasto,