Pagina:Milani - Risposta a Cattaneo, 1841.djvu/248

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


cvi

evi

Ho dunque nello scegliere la linea tenuto a calcolo, e spero di averlo nella Memoria dimostrato, anche le conseguenze delle possibili concorrenze delle due strade da Bergamo a Milano per Monza, e dell’altra da Bergamo a Brescia per Palosco-, e dissi che le circostanze d’ ora sono migliori di quelle d’ allora, perchè in allora tutte e due quelle concorrenze erano possibili, nè per questo mi tolsi dal primo proposito di andare per Treviglio.

Ora una sola è possibile, non credendo, per quello che ho dimostrato nella Memoria, che la seconda, la strada da Brescia a Bergamo per Palosco, sarà dalla Sovrana giustizia concessa.

È ornai tempo, è ornai giusto che anche noi eleviamo la voce dopo tanti rimproveri, dopo tante accuse d 1 imperizia che ci furono dirette-, è ornai tempo che il pubblico ed il Governo sappiano ciò che la Direzione e 1’ ingegnere in capo hanno fatto pel bene dell’ opera, e che io non presi parte in quesC opera, ne vi rimarrò per essere vergognoso strumento di qualche speculazione di borsa diretta al rapido arricchimento di alcuni ed al danno di molti.

Che se poi codesta rispettabile Direzione decidesse di non istamparla, la prego di comunicarmelo tosto, perchè la stamperò a mie spese e per mio conto, e perchè possa stamparla prima della radunanza del 30 luglio.

Sono con distinta stima e rispetto

Firmato MILANI.

Allegato BB 2.

Proposta deW avvocato signor Castelli al congresso degli azionisti.

3o luglio i84o.

Si cominci la esecuzione dell’ opera esclusivamente da Venezia, proseguendo colla maggiore alacrità e simultaneamente nella stazione di Venezia, nel ponte sulla Laguna, e nel tronco di terraferma veneta da Mestre in avanti.

Sarà poi dentro giorni 15 nominata dalla Direzione una Commissione composta di cinque persone, tre per la parte tecnica, e due per la parte economica, la quale Commissione abbia a prendere in esame se possa essere preferibile la linea da Brescia a Milano del piano Milani, ovvero la linea da Brescia a Bergamo, Monza e Milano, producendo entro mesi quattro, dal giorno della nomina, il suo ragionato rapporto alla Direzione nella parte tecnica ed economica, ed insieme avuto riflesso a’ progetti che nei frattempo fossero stati presentati alla Direzione, od alla stessa Commissione relativamente alla suddetta linea da Brescia a Bergamo, Monza e Milano, con dichiarazione che frattanto la Direzione farà progredire gli studii tecnici sopra il tronco da Treviglio a Bergamo.

Qualora il voto della maggiorità della Commissione fosse negativo per una mutazione della linea Milani, non vi sarà luogo ad alcun ulteriore esame e discussione, ed immediatamente sarà data mano ai lavori della strada anche da Milano verso Treviglio e Brescia, intendendosi ora per allora autorizzata dal congresso la Direzione a ricercare a S. M.

il privilegio definitivo del tronco da Treviglio a Bergamo. Google