Pagina:Milani - Risposta a Cattaneo, 1841.djvu/57

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

47

Nelle officine per le macchine, e circa agli ingegneri macchinisti direttori.

All’ingegnere in capo la scienza delle macchine — agli ingegneri macchinisti direttori la scienza, l’arte ed il mestiere delle macchine, e quindi avviati ad un’istruzione apposita, positiva, estesa, profonda, minuta nelle fabbriche del Belgio o dell’Inghilterra.

Nei progetti particolareggiati di ciascuna sezione.

All’ingegnere in capo le stazioni — le prescrizioni generali pei fabbricati maggiori — le norme generali per la stima dettagliata dei terreni, per la descrizione delle opere, pei capitolati d’appalto — tutto il resto agli ingegneri operatori, salvo il riscontro e l’approvazione finale dell’ingegnere in capo.

Nella esecuzione delle opere.

All’ingegnere in capo la suprema direzione — il riscontro dei tracciati — la consegna delle opere agli appaltatori — il riscontro e l’approvazione all’epoca dei pagamenti della parte di opere eseguite — l’attestato di compiuto lavoro — l’esame e la risoluzione in ogni caso di aggiunta, di mutazione, o di riforma d’opera — il giudizio in prima istanza nelle controversie tra gli assuntori e gli ingegneri operatori — tutto il resto all’ingegnere operatore stabilito allora invariabilmente nella propria sezione.

Nella amministrazione della strada a transito attivato.

Perfetta separazione tra la parte tecnica e la parte amministrativa.

All’amministrazione: intiero maneggio dei fondi di entrata e di uscita, e quindi di ogni contratto. Tutte le disposizioni di ricevimento o di spedizione tanto per le merci che pei bagagli e viaggiatori.

Alla parte tecnica: manutenzione e sorveglianza della strada, delle fabbriche, delle officine, dei magazzini di deposito, degli effetti relativi alla manutenzione, alla sorveglianza suddetta.

Costruzione ed acconcio di ogni macchina, di ogni veicolo di trasporto, di ogni mezzo di manutenzione, di sorveglianza, di transito.

All’ingegnere in capo la suprema sorveglianza e direzione della manutenzione, della sorveglianza di tutta la strada, di tutte le fabbriche, di tutte le macchine, di tutti i veicoli di trasporto.

Agli ingegneri macchinisti la direzione diretta ed immediata delle officine per la costruzione ed acconcio delle macchine; la sorveglianza e la direzione col mezzo di macchinisti direttori sul numero, sul buono stato e sulla conservazione delle macchine e dei veicoli di trasporto di ogni sezione. È sopra questa conservazione e modo di acconcio delle macchine locomotive e dei veicoli di trasporto di ogni stazione, che i macchinisti guidatori dipendono dagli ingegneri macchinisti, e sono verso di essi risponsabili.

Agli ingegneri operatori la manutenzione, la sorveglianza della strada, nella loro sezione, di tutti i manufatti di essa, di tutti i fabbricati della stazione. Le disposizioni occorrenti perchè sian pronti ed in buono stato, alle ore stabilite, tutti i veicoli di trasporto richiesti dalla amministrazione, secondo la quantità del concorso.

È in questo apprestare, secondo il bisogno, il numero delle macchine locomotive e dei veicoli di trasporto; è nel servizio delle macchine locomotive durante le corse, che i macchinisti guidatori dipendono dagli ingegneri operatori, e sono verso di essi risponsabili.

Mi proposi di consultare gli ingegneri operatori sui fatti particolari alle loro sezioni prima di venire a determinazioni generali influenti su tutte le sezioni.