Pagina:Miranda (Fogazzaro).djvu/162

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
158 miranda

Gli dirò, se lo vuoi, che m’hai per questo
Detto con poca tenerezza addio.»
«No, non basta,» gridai, «Diana, più altera
Di te son io, benché in Italia nata.»
«Addio,» diss’ella. Più non la rividi.
Che ne potrà pensar? Che far poss’io?