Pagina:Mozzoni Un passo avanti nella cultura femminile.djvu/89

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 84 —


ligenze leali e gli spiriti logici e generosi — Dissentendo anche da qualche donna illustre ed intelligente, che reputò doversi né più né meno che col fatto redimere la donna, ed essere a questo scopo impotenti e superflue le teorie, noi crediamo di potere coll'esperienza affermare, che, nell'avanzamento filosofico, sempre il pensiero appoggiar deve l'azione, e la dottrina l'applicazione; che altrimenti potrehhe il fatto distruggere il fatto, né si troverebbe di fronte al secondo pronta e tenace la ragion del primo.

Debora che resse Israele con valore e sapienza — Giuditta che liberò Betulia — Ester che salvò la sua nazione dall’ esterminio, brillarono astri di solitaria luce; né il loro raggio potente riescì a togliere dal dispregio le figlie d’Israele.

La temuta e maestosa figura di Semiramide, che torreggia ancora dai ruderi della spenta Babilonia, non bastò a riabilitare la donna nel concetto degli Orientali.

L’austera madre dei Gracchi, l'eroica madre di Coriolano, l'intrepida Clelia non impedirono che Roma continuasse a considerare la donna come un pupillo in perpetua necessità di tutela.

Bianca di Castiglia — Margherita di Valois — Giovanna d’Arco, non bastarono a persuadere la Francia che il salico pregiudizio è in prima e dopo tutto un pregiudizio: e l'Inghilterra che data la sua prosperità dall’emi-