Pagina:Naufraghi in porto.djvu/129

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 123 —

più ingrassata e aveva perduto un po’ della sua aria giovanile, conservandosi però bella e fresca.

Guardava attentamente le tele e le stoffe, svolgendole e palpandole con aria preoccupata, come scontenta della scelta fatta; poi le piegava accuratamente, le avvolgeva nella carta e le metteva dentro una bisaccia.

Erano i preparativi del suo corredo, poichè, ottenuta la separazione legale da Costantino, Giovanna aveva accettato di unirsi con Brontu, il quale prometteva di trovare il modo onde sposarsi religiosamente.

Giovanna e la madre erano venute appositamente a Nuoro per incaricare l’avvocato Porru delle pratiche per un possibile divorzio, e per le compre! Il denaro l’avevano preso in prestito, in segretezza, da zia Anna Rosa Dejas, sorella di Giacobbe, una donnina che voleva molto bene a Giovanna perchè aveva aiutato zia Bachisia ad allattarla.

Era nel cuor dell’inverno; ma le due donno avevano coraggiosamente sfidato la noia del viaggio faticoso per recarsi a Nuoro e provvedersi di tela, panno, fazzoletti, stoffe.

Le nozze dovevano farsi con gran segretezza, peggio che nozze di vedova; ma ciò non importava; zia Bachisia voleva che sua figlia entrasse nella nuova casa provveduta di tutto, come una sposa giovinetta di buona famiglia.

Il paese non finiva di meravigliarsi e dì mormorare per lo scandaloso avvenimento; Gia-