Pagina:Neera - Conchiglie, Roma, Voghera, 1905.djvu/92

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
92 a punto!


di un corridoio. C’era là in fondo un piccolo terrazzo abbastanza fuori mano perchè i due disgraziati ospiti potessero trovarvi alloggio senza disturbare madama. Appesi ad un chiodo non stavano peggio di tanti altri ospiti che girano il mondo.

Allo sera la signora Marianna chiese al marito che ne avesse fatto delle bestiaccie

— Maturano.

— O che son nespole?

— Le beccaccie, spiegò il marito, per sviluppare tutto il loro aroma hanno bisogno di raggiungere un certo grado di maturanza.

— Ti giuro che io non le assaggio neppure.

— Permetterai però che me le mangi io?...