Pagina:Neera - Il libro di mio figlio.djvu/64

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
56 il libro di mio figlio


Che diresti di un padrone di casa, il quale non conoscesse le proprie masserizie o di un condottiero che ignora il numero dei suoi soldati?

Nosce te ipsum per l’anima dunque: cioè, per le tue facoltà pensanti e sensibili. Nosce te ipsum per il corpo: igiene e bellezza.

Ma è proprio nella applicazione di questa massima che si intoppa contro il disamore della verità per il soverchio amore di sè stessi: base falsa d’amore, perchè rinnegare il brutto non vuol dire non averlo, anzi l’ignorarlo è la strada per tenerselo eternamente.

Si deve dunque avere il coraggio di confessare a sè stessi: io sono sleale o invidioso maligno o ambizioso o infingardo o egoista. E sono: tubercoloso o sciancato o ipocondriaco guercio o gobbo.

Queste sono le basi immutabili del sapere e del progresso.