Pagina:Neera - L'amor platonico, Pierro, 1897.djvu/15

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


lo, del vero, oggetti diversi e via via più elevati e puri in cui appuntarsi e quetare».

In conclusione parmi che, essendo stato questo desiderio di amore soprasensibile da Platone precisamente introdotto nel voluttoso mondo greco, per quanto egli ne escludesse le donne, se col progresso e col mutare dei secoli qualche donna ha creduto di potervisi accostare, è anche giusto averne conservata nella denominazione la primitiva origine. Del resto se la cosa non era nelle abitudini di quei felici gaudenti, possiamo trovarne la traccia nei pensieri dei Alo-