Pagina:Neera - L'amor platonico, Pierro, 1897.djvu/47

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


see per un tramite invisibile alla realtà. Il poeta che descrisse gli amori dell’ abete per la palma, di questo ispido figlio dei ghiacci per la lontana prediletta figlia del sole, esprimeva un sentimento umano, possibile, vero, un po’ più raro — ecco tutto — di quelli che pullulano nelle cronache quotidiane e che colpiscono maggiormente solo perchè in una stoffa tessuta di bianco e di rosso il rosso salta subito all’occhio. E chi non troverà nella seguente strofa di un’ altro poeta il più delicato e insieme il più umano sentimento di un amore