Pagina:Neera - La freccia del parto ed altre novelle.djvu/158

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
150 la freccia del parto


tili e sopratutto non torniamo sul passato. Badate piuttosto a scegliere meglio i vostri adoratori; non tutti sono discreti. Ecco una lettera che voi avete scritto a Salviati.

— Come l’aveste? — (La voce d’Olimpia strideva per la collera).

— Poco importa saperlo; Salviati è uno sguajato....dicevate un tempo. Prendete la vostra lettera e siate più cauta.

— Grazie. Siete dunque ancora mio amico?

— No.

Vi fu un momento di silenzio. Olimpia soggiunse con inflessione carezzevole:

— Perchè volete essere generoso solamente a metà?... L’amate dunque assai mia cugina?

Rizzio interruppe: