Pagina:Neera - La freccia del parto ed altre novelle.djvu/159

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

la freccia del parto 151


— Non pronunciate il suo nome.

— L’amate? — insistè Olimpia con voce soffocata.

— Ebbene, sì, l’amo, l’amo. Se questo vi può tormentare come voi avete tormentato me, ve lo ripeto, l’amo! Vedete che è impossibile una riconciliazione fra noi due. Vi ho portata la vostra lettera, una lettera che vi poteva perdere; non chiedetemi altro.

Le voci si allontanarono. Costanza, in preda a un’agitazione vivissima, si levò in piedi; ma non poteva reggersi. Ci volle un po’ di tempo prima di ricomporsi per rientrare in sala.

Rizzio era già partito.