Pagina:Neera - La freccia del parto ed altre novelle.djvu/186

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
178 la freccia del parto


Costanza si era avvezzata ad amare queste placide sere, che ella trasoorreva, libera, in compagnia delle sue memorie. Erano proprio le ultime perchè fra due o tre giorni sarebbe partita assolutamente.

Lavorava, accanto al fuoco, immersa nella dolce malinconia che l’era diventata abituale, quando le parve di sentire un rumore in giardino, e il dubbio divenne certezza poi che due o tre colpi picchiati sulla griglia l’avvertirono che qualcuno cercava di entrare.

Un leggiero e naturale senso di paura s’impadronì dell’animo suo pur così forte. I domestici dormivano al piano superiore. Ella non sapeva che fare, ma una voce la rassicurò subito:

— Aprite, sono io.