Pagina:Neera - La freccia del parto ed altre novelle.djvu/94

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
86 la freccia del parto


un cardellino avrebbe il dorso più nero e la testa più lunga.

Costanza prese la cardellina e l’esaminò in tutta coscienza. Colla coda dell’occhio vide lontano Rizzio che ascoltava e più che mai si credette obbligata a giuocare d’indifferenza. Cacciò la manina nel carniere di Matazzi, e tirando fuori un piccolo uccello grazioso, domandò:

— Che è questo? un passero?

— Ah! veramente. un passero! Cugina mia, vivete a Milano e non conoscete i passeri? Questo è un reattino. Non faccio per vantarmi,ma ci tengo al mio reattino; non tutti i cacciatori possono pigliarli.

— Perchè? — tornò a domandare Costanza, come se la cosa le stesse immensamente a cuore.