Pagina:Neera - La sottana del Diavolo, Milano, Treves, 1912.djvu/208

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
202 decadi


— Si può sempre quando si vuole.

— Frasi.

— No, volontà decisa.

— Non viviamo soli.

— Chi ce lo impedisce?

— Dobbiamo pure amare.

— Non ne vedo la necessità.

— Non ami tu?

— Niente affatto. Sono amato ed è fin troppo. Anche di questo si potrebbe far senza.

— Con tali massime si distrugge la società.

— Baie! Per tenere insieme la compagine umana bastano certi riguardi ed alcune abitudini.

— Sei crudele.

— Al contrario facilito il modo di essere felici.

— Incominciando con una rinunzia.

— Sì, ma per anteporvi una conquista. Non mi vorrai sostenere che l’amore valga la libertà.

— L’amore è l’istinto più prepotente della natura.

— E la libertà? E la libertà? Che me ne farei dell’amore senza libertà?

— Che me ne farei della libertà senza amore?

— La libertà è condizione prima ed invaria-