Pagina:Neera - La sottana del Diavolo, Milano, Treves, 1912.djvu/253

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
246 ipotenùsa, va!


Si sprofondò allora tutto quanto nel lavoro al quale voleva confidare la gloria maggiore del suo nome: "La coscienza nei rapporti colla volontà". L’ora per lui propizia alla occupazione intellettuale essendo quella che segue immediatamente il levarsi, aveva raccomandato all’Agata di scaldargli bene la stufa del suo studiolo e per alcuni giorni la faccenda camminò liscia. Poi a poco a poco avvennero dei ritardi, insensibili dapprima, notevoli in seguito e sempre crescenti.

— Agata, questa mattina il termometro del mio studiolo misurava sei gradi di calore. È indispensabile che tu accenda la stufa più presto.

— Non posso mica accenderla di notte.

— Nè vorrei. Ma dopo la notte viene l’alba, poi il mattino fatto, e mi pare che per le nove si potrebbe avere una discreta temperatura.

— Alle otto è ancora buio, miracoli non ne fa nessuno.

Egli avrebbe potuto provarle che non c’era bisogno di miracoli per esaudire il suo modesto desiderio; tuttavia preferì aspettare tempi migliori, per amor della pace.

Verso la metà di febbraio, essendo nevicato sui monti, l’aria fattasi più frizzante