Pagina:Neera - La sottana del Diavolo, Milano, Treves, 1912.djvu/255

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
248 ipotenùsa, va!


mese di febbraio il sole entra in Pesci e il giorno cresce al sei di ore 1,18, al dodici di 1,34, ecc. Oggi siamo al sedici e mi pare....

— Oh! — interruppe l’Agata seccata — : queste sono sciocchezze. Nè lei nè il Pescatore di Chiaravalle possono sapere quanto tempo occorre per riordinare una casa.

— Ma che le giornate si allungano sì. Lo diceva anche mia sorella, ti ricordi? A Sant’Antonio un’ora buona.

— Come non si lavorasse già abbastanza, c’è proprio bisogno di far crescere le ore.

— Ma no, non è così, dà retta....

— Non v’è peggior mestiere che quello di servire.

— Infatti, c’è anche una musica su queste parole. Ma dà retta, tutto si può aggiustare con della buona volontà.

— .... fin da quando — interruppe l’Agata seguendo il suo furore — mia madre mi mandava a attingere acqua lontano un chilometro con una secchia pesante che mi faceva traballare spargendo l’acqua su tutta la strada, che poi ne pigliavo delle busse e alla mattina dovevo alzarmi col canto del gallo....

— Vedi? Vedi? — interruppe a sua volta. Spiridione Tomei sembrandogli di avere afferrato un buon argomento per dimostrarle