Pagina:Neera - La sottana del Diavolo, Milano, Treves, 1912.djvu/299

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

piccole virtù a spasso 293


— Malanni? malanni? — gridò una ragazzina piroettando su sè stessa, — io prendo aria non prendo malanni.

— Taci tu che sei una ignorante.

Il gesto, il sussiego che accompagnavano tali parole delinearono così nettamente la distanza da creare subito una barriera fra le due servette: al di qua l’aristocrazia di quella ben pettinata e che sapeva: al di là la plebe della zotica villana. Curiosa e interessata la maggioranza si schierò subito dal lato dell’aristocrazia che prometteva qualche cosa e chiese la spiegazione del progetto.

— Si tratta di fondare un Circolo per le persone di servizio dove esse possano riunirsi e star comode, con giornali e libri per la loro istruzione, in un ambiente riscaldato d’inverno, fresco all’estate.

— Ci vorrebbe un giardino annesso.

— Benissimo; ed anche un piano per fare un po’ di musica.

— Chi la farebbe la musica? È necessario un maestro.

— Si fa venire il maestro.

— E allora si potrebbe dare anche delle feste da ballo!

— Sì, sì, sì, il ballo!

— Il ballo!