Pagina:Neera - La sottana del Diavolo, Milano, Treves, 1912.djvu/60

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
54 due mondi


giunse il maresciallo con tono conciliativo, dopo di avere ascoltato il racconto di Nicola, — quando c’è modo di farvi rendere giustizia dai tribunali?

— I tribunali! — mormorò Nicola colpito dalla grandiosità della parola e dal mistero che in essa si celava, — possono forse i tribunali rendermi le mie viti?

— Possono obbligare Maso del Ghero a rifondervi i danni.

Gli occhi di Nicola luccicarono per improvvisa cupidigia, ma l’oste osservò:

— Maso è un po’ corto di cervello. Chi sa se gli riconoscerebbero la responsabilità del mal fatto.

— Non importa, — soggiunse il funzionario, — i suoi genitori rispondono di lui ed hanno di che pagare sette piedi di vite.

— Ben detto! — esclamò Nicola. — Questa è giustizia. Io però non so come si fa a parlare ai tribunali.

— Se non è che questo vi aiuterò io a stendere l’atto d’accusa.

— Nel quale direte che fu in seguito a una disputa politica, senza parlare della Ghita del bosco che non c’entra per nulla.

— Come vorrete.

— In causa della repubblica, che lui non