Pagina:Neera - Novelle gaje, Milano, Brigola, 1879.djvu/220

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
210 Novelle gaje.

ognuna di quelle botteghe aveva gradini, acciughe, salsicciotti e limoni.

— Ma — pensò giudiziosamente il nostro avventuriere — la combinazione precisa della piazza e della chiesa sarà quella che mi leverà d’impiccio.

E così fu.

Giunto alla piazza di cui sapeva il nome, gli si parò subito davanti una bottega da salumaio, come si saranno usate ai tempi di S. Ambrogio e come se ne vede ancora qualche reliquia nei quartieri più popolari.

Una grossa comare, pettinata in bandò sotto una cuffia di tulle a nastri verdi, presiedeva al banco dignitosamente seduta su una poltrona di pelle, dava e riceveva i denari, mentre il marito serviva gli avventori, coadiuvato da due giovinotti in manica di camicia.

Beniamino si fece avanti.

— Lardo a te, bel ragazzo? — domandò uno dei giovinotti.

— Nossignore, voglio parlare col padrone.

Il padrone alzò gli occhi.

— Che vuoi?

— Io sono Beniamino Fenoglio.

Pronunciando il suo nome egli credeva di veder spalancarsi le braccia del salumaio e balzare in piedi la sua degna consorte. Ma non accadde nulla di tutto ciò; anzi il salumaio soggiunse:

— Chi sei?

Beniamino allora incominciò dalla genesi e si fece a descrivere i suoi vecchi genitori quando parlavano