Pagina:Neera - Un romanzo, Brigola, Milano, 1877.djvu/221

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 219 —


— E vi sentite la forza d’Ercole?

— La sento.

— Oso dire che nessun uomo è baldanzoso come voi — mi tentate.

Uno sguardo lusinghiero accompagnò l’ultima sillaba; ma Olimpio non si mosse.

— Io credo — continuò la contessa — che la poetica invenzione delle anime gemelle ha un riscontro materiale nell’esistenza di tutti noi. Avete mai amato?

— Mai.

— Ed ora?...

— Vi amo.

— Perchè mi amate?

— Per il vostro corpo e per l’anima vostra — per il lampo che scaturì dalle nostre pupille al loro primo incontro. Ve ne ricordate?

— Il destino lo ha voluto! — mormorò Réa abbandonando la bruna testa sui cuscini di damasco.

Olimpio si curvò, e un lunghissimo bacio congiunse quelle labbra colpevoli.

Che dovrei dire adesso — io — povero romanziere di scene famigliari? Se fossi stato in un angolo di quella camera avrei forse osservato il sole d’aprile che entrava folleggiante dalla finestra — e i pennelli abbandonati di Roberto — e il ritratto della contessa, non ancora finito, che sorrideva tranquillo!