Pagina:Neera - Una passione, Milano, Treves, 1910.djvu/28

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 22 —


to sopra un cavalletto gli domandò a bruciapelo:

— Ma quell'americano non era andato in America?

— Quale americano? — fece candidamente don Peppino sgranando gli occhi.

— Quel Wilss della malora.

— Ah! mister Wilss. Ebbene, egli è andato e poi è ritornato. Che ve ne pare di questo quadro?

Il giornalista gettò sulla tela una occhiata distratta pronunciando:

— È un nuovo acquisto?

— È il mio dono per il compleanno — rispose don Peppino con un sorriso di compiacenza. — Vedete queste parole scritte a tergo? (voltò il quadro per un istante). A te principium tibi desinet. L'ho conosciuta sì piccina!

— Dove le avete trovate le parole? Già un feroce lettore quale voi siete pesca sempre nei libri. È per questo che quando parlate non si sa mai se siete voi o un altro.

— È il motto di Mirabeau a Sofia — tornò a rispondere don Peppino senza rilevare l'acrimonia dell'amico. — Il quadro vi piace?

Il giornalista questa volta lo guardò più attentamente palpando colla mano un piccolo oggetto in fondo alla sua tasca.

— È un Alma Tàdema forse?