Pagina:Nicolò Toneatti - Guida del viaggiatore per la città e per li dintorni di Trento, 1837.djvu/14

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
12

ben coltivare le campagne di sua proprietà, l’artigiano per esattezza ne’ suoi lavori, il mercante per fina speculazione, e la bassa classe, che è agricola, o occupata nelle professioni inferiori, non forma una ciurmaglia di persone inattive, e dannose alla società, come in altri luoghi si scorge. Il clero è colto, ed esatto osservatore de’ suoi doveri. Il temperamento del trentino è in genere il sanguigno.

I cibi della classe agiata, e della classe bassa sono assai semplici, e consistono per la prima in carne di manzo, e di vitello nato da pochi giorni, il quale viene somministrato dalle valli di Rendena, di Sole, e di Fiemme, e dal comune di Pinè, ed in pane di formento, del quale maggiore è l’uso di quello preparato alla maniera francese, che di quello preparato alla maniera italiana; l’uno e l’altro ridotto a perfezione mediante l’attenta, e provida cura del saggio Magistrato, e per la seconda classe in polenta, legumi, ed erbaggi. Si conosce pure la cucina italiana e tedesca, ed in alcune case anche la francese. Il pesce vien fornito dall’Adige, e dai laghi di