Pagina:Nicolò Toneatti - Guida del viaggiatore per la città e per li dintorni di Trento, 1837.djvu/26

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
24

III.

Indicazione delle cose, e dei luoghi, che si riferiscono ai bisogni d’un viaggiatore.


1.° I. R. Capo Commissariato di Polizia, vedi Superiorità locali, distrettuali ecc.

2.° Valuta in corso, pesi e misure. La valuta viene distinta in legale ed abusiva; la prima è sul piede di F. 20 la marca fina d’argento, e la seconda sul piede di F. 25. Si usa quella (che si paga nella moneta di convenzione), nei pagamenti da farsi alle reggie casse, e questa nei contratti giornalieri, e nei pagamenti fra privati. Nella prima il pezzo da x. 20, o la lira austriaca si computa pure 20 carantani, nella seconda x. 25, sicchè il carantano nella valuta abusiva equivale a quattro centesimi; computo assai comodo per gli italiani, che frequentano Trento, perchè più facilmente, che colla valuta d’Impero, la quale si usava prima dell’anno 1816, riducono