Pagina:Nietzsche - La volontà di potenza, 1922.djvu/80

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


ancora l'istinto di conservazione dei diseredali. In sunimft: il cullo dell'altruismo è una forma specifica dell'egoismo che si presenta re golarmente in determinale condizioni fisiologiche. Quando il socialista esige con una bella indignazione, la « giu- stizia » il « diritto » i « diritti uguali » si trova soltanto sotto il do- minio della sua insufficente cultura che non sa comprendere percliè egli soffre: d'altra parte questo gli fa piacere; — se si trovasse in condizioni migliori egli si guarderebbe bene di gridare così: troverebbe altrove il suo piacere. Lo stesso dicasi del cristiano: esso condanna, calunnia, maledice « il mondo », non asenla neppure , se stesso; ma non è questa una ragione sufficente per prendere sul seno il suo schiamazzo. In entrambi i casi, siamo sempre in mezzo a malati a cui fa bene gridare, a cui la calunnia procura un sollievo. ' tif. Non esiste nessun egoismo che rimanga in sè, e che non usurpi, — quindi non esiste affatto quell'egoismo « permesso » « moralmente indifferente » di cui voi parlate. Si promuove il proprio « io » costantemente a spese degli altri. « La vita vive sempre a spese della vita degli altri » — chi non ca- pisce questo non ha fatto in sè neppure il primo passo verso la lealtà. 18S. Della calunnia delle cosidette cattive qua- lità. L'egoismo e il suo problema! il pessimismo cristiano di Laro- chefauc-auld che tirava fuori dappertutto l'egoismo e con ciò credeva diminuito il valore delle cose e delle virtù! In opposto a que- sto io ho cercato anzitutto di dimostrare che non può esistere niente altro all'infuori dell'egoismo, che negli uomini in cui l'ego diventa debole e tenue, s'indebolisce anche la forza del grande amore, che quelli che amano piìi di tutti sono tali per la forza del loro ego, che l'amore è un'espressione dell'egoismo ecc. Il falso apprezzamento mira di fatto all'interesse: 1) di coloro a cui deriva un utile, un aiuto, del gregge; 2) contiene un rancore pessimista contro la base della vita; 3) vorrebbe negare gli uomini piìi meravigliosi e i meglio riu- sciti : timore; 4) vuole aiutare i soccombenti ad aver ragione contro i vincitori; 5) porta con sè una disonestà universale e proprio negli uomini che piii valgono. -