Pagina:Novelle cinesi tolte dal Lung-Tu-Kung-Ngan.djvu/48

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

—( 30 )—

L’assenza del marito si prolungava già oltre il dovere. Erano scorsi varii giorni, e non si vedeva tornare; per la qual cosa la moglie, in continua apprensione ed angustia, si affacciava ogni tanto alla finestra per veder s’ei venisse. Un giorno ch’ella era così in attesa del marito, scorge sulla strada lontano lontano un frate buddista. Il quale camminando giunse sotto le finestre della casa, e veduta tra le gelosie di bambù la sposina, compiacendosi nel guardarla, andava col naso in aria, senza fare attenzione ai pericoli della via, che era umida e sdrucciolevole; quando, arrivato all’orlo di un fossato, gli manca un piede, scivola e cade nell’acqua. Era nel colmo dell’inverno, e una nebbia gelata penetrava fino alle ossa. Alcuni passanti aiutarono il frate a uscir fuori: ma il pover’uomo bagnato fino ai capelli tremava tremava, nè poteva reggersi in piedi. Sieu-niang, che dalla finestra avea veduto il fatto, impietosita chiamò il frate in casa sua: lo fece entrare nella stanza degli ospiti, e andata in cucina a preparar legna, accese un gran fuoco per riscaldarlo. Il frate tutto riavutosi lodava e ringraziava ripetutamente la virtù e la carità della donna; ed essa, poichè ebbe asciugata ad una buona fiammata la tonaca grondante del reverendo, preparato qualcosa da mangiare, gliel porse. Dopo che il frate si fu rifocillato lo stomaco, Sieu-niang lo domandò d’onde veniva e dove andava. Al che il frate rispose: «L’umile monacello abita nel convento Si-lin della vicina città. Giorni sono il padre superiore andò al convento orientale, e non essendo peranco ritornato, fui mandato per veder d’incontrarlo. Cammin facendo sono arrivato alla vostra porta, e non badando che la strada era umida e le pietre lisce, m’è avvenuto di sdrucciolare e cader nell’acqua. E in verità, se non era la generosa cortesia e carità vostra, o madonna, sarebbe stato questo un caso che mi avrebbe messa in pericolo la vita.» — «Ora però, riprese la giovane sposa, che le vostre robe sono asciugate, e vo’ vi siete rimesso in forze, è ben tempo che partiate. Mio marito, che è via di casa, potrebbe tornare da un momento all’altro, e non sarebbe conveniente che vi trovasse qui.»