Pagina:Novelle lombarde.djvu/329

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

313

era a tessere a tutto andare, più povero, non meno contento.

Aveva menata in moglie una buona ragazza del vicinato, par sua, tutta Gesù e Madonna; e n’ebbe una nidiata di fanciulli, che a occhio veggente crescevano di numero, di statura e d’appetito. Ogni nuovo che arrivasse, aumentavano le spese; pure, attaccate ad un arpione tutte le voglie, e col misurare il tempo, e usare più povero e stretto vestire e mangiare, Piero confidava nel Signore, com’era solito dire, che potrebbe tirarli su sani, galantuomini e senza debiti.

In questa guisa campava oscuro nel suo paesuccio, di pane scusso e acqua schietta: e se qualcuno lo compassionava, egli stropicciandosi le mani e alzando le spalle, rispondeva come l’amico di Giobbe: — L’uccello è nato per volare e l’uomo per lavorare. Da Adamo in giù, tutti dobbiamo pascerci nel sudore della nostra fronte. Il travagliare volentieri addolcisce la fatica. Quando mangio un tozzo asciutto di pan bigio, e penso che me l’ho guadagnato io, mi sa più saporito che coll’arrosto; e se lo spartisco co’ puttini miei, mi fa miglior pro’ che se lo mangiassi io tutto».

Così diceva il buon Piero: e però tutti gli volevano bene; non avrebbe torto un capello a chi si sia; dove potesse, metteva una buona parola; tutto cuore, come tutto rassegnazione nella sua onorata povertà.

Di ben altre gambe andò la cosa con Peppo. Finita la sua capitolazione di soldato, ricomparve in paese a faccia fresca.

— Oh, sei qui?» gli disse Piero al rivederlo, e