Pagina:Occhi e nasi.djvu/137

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 136 —

qualche cosa di asciutto: ordinatemi una porzione di quei tortellini.

— Col sugo?

— No, col formaggio e burro; ma che siano conditi bene!

— Si lasci servire. —

Intanto la gente che passa per la strada, accorgendosi di quest’uomo, che discorre da sè solo davanti alla mostra di una trattoria, si volta a guardarlo, sorride e tira diritto.

Ma Scampolino non si cura dei curiosi che lo guardano; e seguitando a lavorare d’immaginazione, e figurandosi che il cameriere gli abbia messo sotto il naso un bel piatto di tortellini fumanti, cava fuori di tasca un pezzo di pane casalingo, e dopo averne preso una bella boccata, riattacca il dialogo con se medesimo, così:

— Ehi, cameriere! questi tortellini mi paiono poco conditi! (seguitando a masticare il pane).

— Ecco dell’altro parmigiano! E ora vanno meglio?

— (masticando sempre). Mi paiono gli stessi di prima.... È un parmigiano che non sa di nulla.... (pigliando un’altra boccata di pane). E dopo i tortellini, che cosa mi dài?

— Vuole un cibreino di rigaglie?

— Le rigaglie, caro mio, si digeriscono troppo presto, e io ho bisogno di roba che rimanga sullo stomaco almeno ventiquattr’ore, perchè.... non ho tempo per pranzare tutti i giorni!

— Vuole un paio di quelle costolette panate?

— Due sono poche: pigliamone tre, anzi pi-